Home / MUSICAL / IN MUSICA / CALABRESE E SCUDA DEGLI OBLIVION IN "FAR FINTA DI ESSERE G… "

CALABRESE E SCUDA DEGLI OBLIVION IN "FAR FINTA DI ESSERE G… "

Comunicato stampa:

audio: Beppe Pellicciari -Mordente Music service Luci: Claudio Tappi –Octavius

ITC TEATRO DI SAN LAZZARO

VIA RIMEMBRANZE, 26 – 40068 SAN LAZZARO DI SAVENA (BO)

TEL BIGLIETTERIA 051.6270150

www.itcteatro.it – info@itcteatro.it

sabato 22 dicembre ore 21.00

“Far finta di essere G…” è l’omaggio a Giorgio Gaber e Sandro Luporini che Davide Calabrese e Lorenzo Scuda portano da sette anni in tutte le piazze e i teatri d’Italia e che hanno, in occasione del decennale della scomparsa di Gaber, riallestito e rinnovato completamente.

Scuda e Calabrese, componenti e autori degli Oblivion, interpretano con splendido affiatamento alcuni dei più grandi successi di Gaber e Luporini. Nella performance, musica e teatro si fondono in un solo linguaggio dove il musicista è il partner scenico dell’attore e l’attore fondamento della struttura musicale.

Uno spettacolo che riproduce il giusto mix fra una rilettura personale dei testi gaberiani e un tributo alla perfezione scenico-musicale delle sue opere più belle. Un’ora e mezzo (bis esclusi…) di divertimento e riflessione allo stesso tempo, con quell’equilibrio fra dolce e amaro tipico della condizione dell’uomo moderno che nessuno ha mai saputo esprimere con tanta efficacia come l’indimenticato e inimitabile Giorgio Gaber.

Note di Regia

Veniamo dal musical. Facciamo intrattenimento, comicità, parodia, varietà musicale. Cosa c’entra tutto ciò con il teatro canzone di Giorgio Gaber? Non è facile dirlo in due parole. Qualcuno potrebbe dire che il Gaber-pensiero non appartiene alla nostra generazione. In realtà per noi è stato come un regalo, che ci siamo trovati in mano senza saperne bene la storia e la provenienza. Parlando dei (fin troppi) omaggi che in questi anni gli sono stati fatti, forse si mettono in secondo piano i veri “omaggi”, ovvero i regali che Gaber ha fatto a noi. Gaber, per noi, è un maestro. Il massimo esempio di come una macchina scenica perfetta, un raro istinto animale e un intellettuale di grande spessore possano convivere tranquillamente in un’unica figura. Un intellettuale (due in realtà… considerando il sodalizio lungo una vita con Sandro Luporini) capace di mettere in ridicolo le miserie del nostro vivere quotidiano, pronto a sgretolare le ipocrisie della nostra epoca ma, un attimo dopo, capace di interpretare con grande generosità anche una semplice canzone d’amore. “Far finta di essere G …” è una passeggiata affettuosa nel repertorio gaberiano.

Tutto il repertorio. Anche quelle prime vecchie canzonette che poco sembrano aver a che fare con l’impegno e il teatro-canzone, ma senza le quali la comprensione del percorso artistico di Gaber sarebbe mutilata, parziale. Un omaggio fatto col cuore, ma anche sfruttando quelle che sono nostre “corde” artistiche. E quindi facendo risaltare quel lato giocoso e giullaresco presente un po’ ovunque nei testi e nelle musiche. Anche in quelli più duri e sferzanti. Un gioco teatrale dove “Oblivionare” pezzi interi di canzoni e monologhi, smontandoli, scomponendoli e ricomponendoli alla nostra maniera. Per scoprire come i confini fra intrattenimento leggero e teatro d’autore siano sempre più labili di quello che uno possa immaginare… Quello che conta è il rigore, la passione e una sana dose di follia. E la lezione più grande che Gaber ci ha lasciato, ovvero che questo lavoro (quello dell’attore, del giullare), prima di farlo bisogna amarlo.

Vedi su internet: . http://www.youtube.com/watch?v=a-k29eqV300


About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L'Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top