Home / MUSICAL / IN MUSICA / COMPAGNIA LE TEMPS D'UNE PAUSE E ACCADEMIA PATAFISICA PRESENTANO "TUTTI AL MACELLO", CON BRUNELLA PLATANIA

COMPAGNIA LE TEMPS D'UNE PAUSE E ACCADEMIA PATAFISICA PRESENTANO "TUTTI AL MACELLO", CON BRUNELLA PLATANIA

Comunicato stampa:

Dopo il successo di Chocolat  torna in scena la Compagnia Le Temps d’une pause con l’Accademia Patafisica

“Tutti al Macello”

(Una commedia musicale paramilitare in un atto lungo)

da

Boris Vian

Adattamento e regia

Antonio Cervigni

Teatro “Verdi” Di Pollenza (Mc)

Sabato 9 marzo 2013 H 21,30

Prenotazioni  tel. 3281313822

L’absurdité des batailles qui sont des batailles de mots mais qui tuent des hommes de chair, Boris Vian

È l’alba del 6 Giugno del 1944 ad Arromanches, paesino della tranquilla Normandia.

Qualcuno lo chiamerà il giorno più lungo consegnandolo alla storia del mondo, ma per lo scorticatore e la sua bizzarra famiglia è solo un altro giorno da portare a termine tra cavalli da macellare insieme al suo mite garzone, figlie da sposare, vicine invadenti, mogli stralunate. Fuori il finimondo, tra le mura domestiche una apparente tranquillité, non fosse per quel fetore che impregna l’aria…

Arromanches, ultima spiaggia, improbabile Samarcanda scovata dall’avo dello scorticatore per fuggire via dalla pazza folla e diventata d’un tratto il cuore vivo di una follia devastante raccontata da Boris Vian con pennello noir intinto in una magnifica tavolozza surreale, perchè come lui stesso dichiara “Forse quello che spiega il rifiuto che manifestiamo di ciò che è serio, di ciò che non lo è, in quanto per noi, è esattamente la stessa cosa, è patafisica”. La patafisica, scienza delle soluzioni immaginarie, le uniche praticabili in un mondo a testa in giù senza anima, né sentimenti, infilato nella sgangherata casacca di un ordine inventato. Alla violenza della storia, lo scorticatore oppone l ‘onestà, condita da vigliaccheria, del suo antico e tramandato mestiere…

Una denuncia della logica straniante dei potenti e delle “loro”inutili guerre, ma anche della viltà dei popoli, per questa pièce di teatro- canzone sostanziato dall’intrigante trama musicale dello stesso Boris Vian.

Divertente, esilarante, grottesca la storia, preziose le canzoni.

Un omaggio al timido stralunato ragazzo – aveva appena trentanove anni quando il suo generoso cuore cessò di battere – Boris Vian , musicista jazz, compositore, scrittore, l’altra faccia della Parigi esistenzialista post bellica, l’altra faccia della musica, l’altra faccia di un modo di ridere a bocca larga della peggiore delle vite masticando veleno.

Per sputarlo in faccia, ieri e ancor più oggi, a chi questo mondo lo vuole scorticare. Vivo.

Il padre Elsid Lumi

La vicina Roberta Marchesini

Andrè Giorgio Gentili

Jacques Francesco Melchiorri

Marie Chiara Spernanzoni

Cyprienne Alessia Cervelli

Heinz Matteo Iannelli

Catherine Daniela Domizi

Impiegata Giuseppina Saliccia

Il Pastore Carlo Maceratini

Soldato Americano Nicola Pallotto

Soldato Tedesco Jacopo Pizzichini

Le Suore Silvia Piatanesi e Elisabetta Rastelli

Il Capitano Fabio Caporaletti

La ballerina Sara Mercorelli

Con la partecipazione straordinaria di Brunella Platania nel ruolo della madre

Musiche originali di Boris Vian eseguite dal vivo da maestro Simone Cartuccia

Coreografie Daniela Domizi

Effetti scenografici Resio Reschini

Trucco e Parrucco

Angela Papa consulente d’immagine

Patrizio Forconi couiffeur

Realizzazione Grafica Paola Reschini



Seguite le riviste Musical e L’Opera anche su facebook

About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L'Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top