Home / MUSICAL / AMICI DELLA SCALA – PRIMA DELLE PRIME: "CUORE DI CANE"

AMICI DELLA SCALA – PRIMA DELLE PRIME: "CUORE DI CANE"

Amici della Scala:

Settimo appuntamento del ciclo

“Prima delle prime”

Stagione 2012/2013 – organizzato dagli Amici della Scala

Cuore di cane

di Alexander Raskatov

libretto di Cesare Mazzonis

TEATRO ALLA SCALA

RIDOTTO DEI PALCHI “A. TOSCANINI”

LUNEDÌ 11 MARZO 2013 ORE 18.00

“Non sono contrario ai progressi della scienza o della tecnologia, tutt’altro. Ma credo che l’uomo sia spesso colto dalla tentazione di sentirsi dio e di manipolare la realtà. Lo stalinismo fu uno degli esempi più terribili di questa ambizione di creare un uomo e un mondo nuovi, ma il pericolo non è finito”. Così, in una recente intervista al Corriere della Sera, il compositore Alexander Raskatov, che Alfred Schnittke considerava uno dei più promettenti della sua generazione, spiega i motivi della scelta di portare in musica la novella di Bulgakov. Quando Pierre Audi gli propose di comporre un’opera dandogli due giorni di tempo per scegliere il tema, “ho deciso velocemente. Non so perché: è stato intuito”. Così è nata, su libretto di Cesare Mazzonis, Cuore di cane, pièce che ha debuttato all’Opera Nazionale di Amsterdam il 7 giugno 2010. Opera dal taglio moderno, Cuore di cane è tratta dal surreale e omonimo romanzo satirico di Bulgakov. Scritto nel 1925, e subito censurato nell’allora Unione Sovietica, circolò però in samizdat fino al 1987, anno della pubblicazione in URSS. La novella nasce come satira spietata della nascente Russia comunista e dei principi politico-sociali su cui si basava, riferendosi al nascente regime di Stalin. Sharik, reso magistralmente sul palcoscenico da una complessa marionetta ispirata alla scultura “Cane” di Alberto Giacometti, è un cane randagio che osserva e giudica con cinismo la popolazione moscovita. È maltrattato, ma viene salvato da un eminente scienziato, il professor Filipp Filippovich Preobrazhensky, impegnato nella ricerca sul ringiovanimento del corpo. Come esperimento impianta in Sharik l’ipofisi e i testicoli di un essere umano, creando così Sharikov, un uomo, un proletario, che mantiene di entrambe le specie tutte le peggiori caratteristiche: si ubriaca, canta oscenità, ricatta, denuncia… Il rapporto tra lo status dei nuovi lavoratori, nell’archetipo dell’uomo nuovo sovietico, e la condizione dell’animale è finemente analizzato, nella novella come nell’opera, così pure le assurde ambizioni del professor Preobrazhensky (omonimo peraltro di una celebre figura nella storia del partito comunista russo). L’opera, satirica e grottesca, ma anche filosofica e lirica, “è come un caleidoscopio: un piccolo giro e ciò che si vede muta”. Sul palco, Sharik è reso da tre diverse voci: una dolce e soave, una stridula e fastidiosa, amplificata con l’uso di un megafono, e una terza, Sharik che diventa Sharikov. Bulgakov vede un mondo dove cane mangia cane, dove la domanda è “ma cosa esattamente separa l’uomo dalla bestia, e non è l’uomo il peggiore delle bestie?”, ma crea una via d’uscita, un lieto fine. La versione di Raskatov è diversa: non c’è nessuna possibilità di rimediare al danno fatto e Sharikov non può tornare Sharik, perché “gli uomini pensano sempre di poter fare ciò che vogliono, ma questo è impossibile, spesso non si può tornare indietro”. (Andrea Castelli)

Nell’incontro “Lo stalinismo in caricatura” con proiezioni video, ne parlerà Cesare Mazzonis, Direttore artistico Orchestra Nazionale Rai di Torino, già Direttore artistico del Teatro alla Scala e del Maggio Musicale Fiorentino.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti

Supporto per l’ospitalità Brera Hotels

Supporto tecnico Meeting Project s.r.l. service audio-video Milano


Seguite le riviste Musical e L’Opera anche su facebook

About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L'Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top