Home / MUSICAL / A TUTTO VERDI

A TUTTO VERDI

di Elena Formica – foto di Luca Trascinelli

Bicentenario Verdiano a Parma. L’omaggio della Filarmonica Toscanini diretta da Kazushi Ono

È partito in quarta – pardon, in quadriglia – l’omaggio a Verdi di Kazushi Ono, direttore principale ospite della Filarmonica Toscanini. E per tutta la sera, all’Auditorium Paganini di Parma, la musica di Verdi è volata all’impazzata, eppure incredibilmente sensata, sopra ogni cosa. Travolgente, tesa, da lasciar quasi senza fiato: ma questo, eventualmente, sarà un problema dei cantanti. In apertura, dunque, la Quadrille op. 272 di Johann Strauss figlio, eccitato “potpourri” su temi celeberrimi da Un ballo in maschera. La prima viennese del “Ballo” risale al 1864, cinque anni dopo il debutto dell’opera al Teatro Apollo di Roma; però il compositore austriaco ne anticipò astutamente i motivi, giostrandoli in forsennata quadriglia, durante un concerto al Volksgarten di Vienna (21 dicembre 1862). Miscela festosa ma esplosiva questa di Strauss: rapinosa e felice la bacchetta di Ono. Poi, come la notte segue il giorno, il Verdi “noir” di Macbeth. Il soprano Ausrine Stundyte, lituana, ha cantato Una macchia è qui tuttora, l’aria della Lady: viscerale l’approccio, lei più selvaggia che potente, francamente eccessiva. Il tenore Antonio Poli, invece, ha conferito i giusti accenti all’aria Ah la paterna mano, anche questa da Macbeth, e ad “Ella mi fu rapita” da Rigoletto, impiegando con agio un mezzo vocale giovane e lucente, molto interessante per gli sviluppi che potrà avere in area verdiana, se ben amministrato nel tempo e più docile alle istanze del fraseggio. Applauditissimo Simone Piazzola, pregiata stoffa di baritono, che ha convinto il severo pubblico di Parma eseguendo con sicurezza l’aria Alla vita che t’arride (Un ballo in maschera) e i duetti Madamigella Valéry (La Traviata) e Tutte le feste al tempio (Rigoletto) con il soprano Gladys Rossi. È stata proprio lei, Gladys Rossi, il perno della serata, l’inesauribile interprete di larga parte del concerto: oltre ai citati duetti con Piazzola, il soprano romagnolo ha eseguito infatti scena, aria, tempo di mezzo e cabaletta di Violetta (“È strano! È strano!”) dal I atto di Traviata, i duetti Bocca baciata non perde ventura da Falstaff e Parigi, o cara da Traviata (entrambi con il tenore Poli), oltre al quartetto finale di Rigoletto con Piazzola, Poli e Stundyte. Gladys Rossi si è dimostrata artista a tutto tondo, presenza magnetica, interprete assolutamente coinvolgente. Densa, agile, precisa la Filarmonica Toscanini, che ha Verdi nel sangue e si è spinta, con Kazushi Ono, alla ricerca di emozioni forti, asciutte, spoglie, lontane da verdianeggianti retoriche. Acclamate le Sinfonie dai Vespri Siciliani e dalla Forza del destino. Come bis Sì, vendetta da Rigoletto.



____________________________________________________________________________________

Seguite le riviste Musical e L’Opera anche su facebook

About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L'Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top