Home / OPERA / GARATTINI FIRMA IL DEBUTTO MONDIALE DE “IL NOCE DI BENEVENTO”

GARATTINI FIRMA IL DEBUTTO MONDIALE DE “IL NOCE DI BENEVENTO”

Al Teatro São Pedro di San Paolo Davide Garattini porta in scena l’Italia

Al fianco di “Gianni Schicchi” il debutto mondiale de “Il noce di Benevento”

davide garattini raimondiA pochi giorni dalla vittoria del Premio Filippo Siebabeck all’Abbiati 2017, il regista meneghino Davide Garattini Raimondi, debutta al Teatro São Pedro di San Paolo del Brasile con due nuove opere: “Il noce di Benevento” di Giuseppe Balducci e “Gianni schicchi” di Giacomo Puccini.

In un periodo storico economicamente e politicamente difficile per il Brasile, il Teatro São Pedro ha deciso di puntare sui giovani talenti locali e sulla qualità made in Italy. Ecco quindi spiegata la scelta di due opere esageratamente italiane che hanno come cornice due città simbolo del Belpaese: Benevento da un lato e Firenze dall’altro.

I cast di entrambe le opere sono formati con i giovani dell’Accademia del Teatro São Pedro che ha deciso così di supportare resposabilmente e concretamente le nuove generazioni.

Il noce di Benevento” è di certo il titolo che incuriosisce maggiormente, trattandosi di un’opera da camera di Balducci praticamente inedita: è stata eseguita una volta soltanto in Germania ma in forma ridotta. Si tratta quindi di un vero e proprio debutto mondiale dell’opera in forma scenica completa. In questa versione brasiliana i dialoghi saranno recitati in portoghese per facilitare il pubblico nella comprensione della storia. Il Gianni Schicchi sarà invece totalmente in italiano.

Particolarità de “Il noce di Benevento” è la composizione per 2 pianoforti, 3 pianisti e 6 cantanti donne: 2 soprano, 2 mezzosoprano e 2 contralto. Uno dei 2 contralto dovrebbe recitare en travesti, interpretando il ruolo maschile di Alberto. Tuttavia in questa versione brasiliana, il Teatro São Pedro ha affidato il ruolo ad un sopranista studente dell’Accademia, Bruno de Sa, rendendo così il cast ancora più originale e prezioso.

“Il noce di Benevento è un’opera da riscoprire” afferma il regista Davide Garattini Raimondi, “sia per la sua sostenibilità economica – mancando orchestra e coro -, sia perchè è un’opera molto divertente che gioca con le superstizioni e le ingenuità degli italiani. E’ un’opera che si basa sull’equivoco, sullo scherzo, sul far credere qualcosa che non è… Ma ovviamente il lieto fine non manca e chi doveva sposarsi si sposa! 

L’allestimento essenziale de “Il noce di Benevento”, diretto musicalmente dalAndre do Santos, sarà caratterizzato dal bianco e dal nero, prendendo come spunto la leggenda secondo la quale non ci si deve mai addormentare sotto un albero di noce. Le scenografie nere rappresenteranno una grande lavagna sulla quale gli interpreti scriveranno e cancelleranno parole e frasi durante lo spettacolo. Tutta una grande simbologia per rappresentare l’effimero passare del tempo e ciò che invece resiste a tutto e resta per sempre: l’amore.

About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L’Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Scroll To Top