Home / PROSA / LA SECONDA LUNA

LA SECONDA LUNA

LA SECONDA LUNA

QUANDO AMARE E’ UN DIRITTO DA DIFENDERE

Domenica 9 aprile 2017
Teatro Tor Bella Monaca, Via Bruno Cirino, Roma

Arriva a Roma, il prossimo 9 aprile 2017 alle 17.30, ospite del Teatro Tor Bella Monaca in via Bruno Cirino “LA SECONDA LUNA”, pièce teatrale sui diritti civili che ha debuttato oltre un anno fa a Bologna guadagnandosi tre sold out, scritta e interpretata da Andrea Zantonello e Alessandro Liuzzi, con la partecipazione di Marco Casoli e per la regia di Francesca Pierantoni.

Una storia contemporanea, quella che sarà proposta questa volta al pubblico romano, ricca di intensità emotiva che poggia le sue basi sulla concretezza di un sentimento consolidato e trova la sua forza sulla difesa del diritto ad amare e ad essere.

Una storia diretta, vera, discrezionalmente toccante dal punto di vista emozionale che però non lascia spazio a interrogativi e ripensamenti di sorta su ciò che è il significato dell’amore.

Uno spettacolo che ha raccolto un ottimo riscontro nel pubblico guadagnandosi la completa partecipazione emotiva in un tutt’uno tra palco e platea, giudicato necessario e maturo nei tempi da chi ne ha scritto, estremamente reale e normale da chi lo ha prodotto.

Una sceneggiatura che, sebbene datata prima dell’avvento della legge sulle unioni civili in Italia, risulta di estrema attualità ancora oggi e si pone l’obiettivo di parlare al pubblico con il linguaggio dell’affettività e dell’emozioni, facendo risuonare anche le corde più sorde che gridano allo scandalo di un amore come tutti gli altri.

I protagonisti di questa pièce impareranno inaspettatamente sulla propria pelle la difficoltà di esistere come coppia quando un accadimento importante porterà il loro amore a mostrarsi al di fuori delle mura domestiche: in scena due vite sconvolte dall’imprevisto sembrano allontanarsi e non trovarsi più per poi riagganciarsi ancora più indissolubilmente come anelli di una catena fatta di vissuto, amore, speranze, emozioni, passioni.

Due attori (Zantonello e Liuzzi) quasi sempre in scena che simboleggiano insieme la forza di questo legame e la difesa disperata dello stesso nei confronti della vita e della società ed un altro (Casoli) che interviene in precisi e mirati momenti della pièce simboleggiando insieme lo sconvolgimento che piomba impietoso in quelle due vite e l’ostruzionismo delle istituzioni all’accettazione di quell’amore.

Non uno spettacolo politico ma una storia di sentimento, senza un pietismo di facile portata ma con una natura che possa renderlo anche strumento di servizio utile a capire.

Una fotografia essenziale e non casuale per questa pièce fatta di bianco e nero.

E’ la scelta degli autori del testo insieme alla regista: una scelta simbolica anche questa, che cade sui due colori che, come ben noto, sono l’uno la presenza e l’altro l’assenza di tutti gli altri colori in natura. Così è ne “La seconda Luna” il susseguirsi della presenza e dell’assenza di un legame, di un amore, di un diritto naturale.

La seconda Luna” è questo: non è una luce che si spegne bensì il faro puntato sulle persone, sulla vita, sulla naturalezza di un legame affettivo che da ovvio quale dovrebbe essere diventa una chimera, sulla normalità di una quotidianità che non decolla uguale per tutti.

Ed è proprio in questo anno ancora così caldo dal punto di vista dei diritti civili per l’Italia, che gli autori/attori scelgono di offrire allo spettatore lo spunto autonomo alla riflessione su quanto li coinvolgerà adottando come linguaggio quello più diretto di uno spaccato di vita tangibile che poco spazio lascia a conclusioni evanescenti e per così dire filosofeggianti e che ci riguarda senza esclusioni. La storia di Diego e Tommaso (questi i nomi dei due protagonisti) è la storia di due uomini che diventa la storia di tutti. Di tutti coloro che hanno amato e ameranno e si sono trovati a fare i conti con la vita. A non essere comune a tutti è, invece, solo la difficoltà d’affermazione di questo amore che viene reso ancora, come oggi, fuori dall’ordinario e declassato dietro un alibi di miopia ingiustificabile nonostante il passo avanti legislativo che può, però, solo contrastare ma non guarire le affettività più severe.

Domenica 9 aprile 2017
Teatro Tor Bella Monaca, Via Bruno Cirino, Roma
Costo del biglietto 10,00 euro
Prenotazioni posti e prevendite allo 06/2010579 o scrivendo una mail a:
promozione@teatrotorbellamonaca.it

About Central Palc Staff

Central Palc nasce nel 2010 come portale ufficiale delle riviste cartacee L’Opera e Musical!. Dal febbraio 2014 ha allargato i suoi orizzonti abbracciando tutti gli altri generi teatrali affermandosi così come il portale web più aggiornato del panorama teatrale italiano.

Scroll To Top